Ficocianina il super elemento proteico dal colore Blu

Italiana (Cert. USBI)

+ Ficocianina

+ Vitamine B naturali

+ Performance

SPIRULINA  BLU +
fornisce energia, aiuta il recupero delle forze e sostiene l’organismo nel corso della giornata, la Ficocianina ad alto titolo e le Vitamine del gruppo B migliorano le performance quotidiane e fanno del prodotto un indispensabile alleato per le persone sottoposte a super stress lavorativo e sportivo.

+ Ficocianina titolazione al 28,5%

Azione antinfiammatoria

Contrasto ai processi infiammatori da stress correlato al lavoro o all’attività sportiva dovuti alle proprietà antinfiammatorie della ficocianina, in quanto in grado di esercitare:

  • l’inibizione selettiva delle cicloossigenasi 2 (COX-2) con conseguente blocco alla sintesi di prostaglandine, importanti mediatori dei processi infiammatori. In particolare, alcuni studi hanno evidenziato una spiccata inibizione nella sintesi delle Prostaglandine E2 (PGE2) e delle COX-2, paragonabile a quella esercitata da alcuni farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), ma privi di effetti collaterali. [5]
  • l’interferenza nella sintesi di alcuni dei principali mediatori dell’infiammazione, tra cui le interleuchine;
  • l’inibizione della lipossigenasi, enzima coinvolto nella sintesi dei leucotrieni, molecole che partecipano a diversi processi infiammatori [6];
  • la normalizzazione dei livelli del Fattore di Necrosi Tumorale alfa (TNFα) [7], coinvolto nell’eziogenesi di svariate patologie.

Inoltre, l’azione antinfiammatoria della ficocianina agisce sinergicamente con l’attività antiradicalica, esercitando un effetto neuroprotettivo che permette di prospettare una possibile applicazione al trattamento dei disordini neurodegenerativi. [2]

Ossigenazione tissutale

Un’altra proprietà estremamente interessante della spirulina è rappresentata dalla sua capacità di mantenere una corretta ossigenazione tissutale. La ficocianina, infatti, grazie alla similitudine della sua struttura con quella dell’eritropoietina (EPO), contribuisce alla produzione dei globuli rossi, favorendo così il trasporto ematico di ossigeno al sistema muscolare e immunitario. Alla luce di questa proprietà è raccomandata:

  • in ambito sportivo, per migliorare le prestazioni e il processo di recupero dopo sforzi intensi o infortuni;
  • in condizioni di super stress lavorativo;
  • in condizioni di sarcopenia;
  • per la prevenzione di malattie degenerative, virali e allergiche. [12]

Azione ipolipemizzante

Alcuni studi clinici hanno evidenziato il potenziale ruolo dell’estratto di spirulina come attivo ipolipemizzante, in grado dunque di ridurre i livelli ematici di trigliceridi e colesterolo. Questa proprietà sarebbe attribuita al gruppo di composti antiossidanti presenti nella spirulina, tra cui ficocianina, acidi fenolici, alfa-tocoferolo e beta-carotene. [8]  Uno studio condotto su animali da laboratorio ha evidenziato l’attività ipocolesterolemizzante di un estratto concentrato di spirulina. I meccanismi d’azione proposti sono relativi all’inibizione del riassorbimento del colesterolo digiunale e degli acidi biliari ileali, individuando proprio nella ficocianina il componente attivo responsabile dell’attività ipolipidemica. [9] Ulteriori studi hanno permesso di correlare l’attività ipolipemizzante anche all’attivazione dell’enzima lecitina colesterolo aciltransferasi (LCAT) e all’inibizione dell’attività dell’HMGCoA reduttasi. [10] Queste evidenze sono state confermate anche da uno studio clinico messicano nel quale, oltre alla riduzione del colesterolo plasmatico, si sono osservati degli effetti sulla riduzione della pressione sanguigna (sistolica e diastolica) dovuti al rilascio di ossido di azoto a livello endoteliale. [11]

Azione antiossidante

Tra le numerose proprietà benefiche attribuite alla spirulina quella più conosciuta è indubbiamente la sua azione antiossidante.

Numerosi studi hanno evidenziato i principali meccanismi messi in atto dai suoi componenti bioattivi, ovvero:

  •  la neutralizzazione delle specie reattive all’ossigeno (ROS), come radicali liberi e perossidi, attenuando gli effetti dello stress ossidativo quali perossidazione lipidica, ossidazione proteica e danni al DNA [1];
  • la creazione di legami con differenti agenti ossidanti di rilevanza patologica, come ad esempio l’acido ipocloroso (HOCl), coinvolto nell’artrite reumatoide, e il perossinitrito (ONOO–) tipico di patologie quali diabete o malattie neurodegenerative [2];
  • l’attività ferro-chelante [3] che contribuisce alla prevenzione di possibili patologie.

Alcuni studi evidenziano inoltre come l’azione antiossidante della ficocianina contro i radicali perossidi e ossigeno-reattivi sia [4]:

  • 16 volte maggiore della Vitamina E,
  • 20 volte maggiore della Vitamina C,
  • 70 volte maggiore rispetto alla SOD.

+ Vitamine B naturali

Vitamina B1 e vitamina B2

La vitamina B1 (Tiamina) e la vitamina B2 (Riboflavina) contribuiscono alla sintesi dei processi energetici riducendo la stanchezza e l’affaticamento, al metabolismo del ferro e alle normali funzionalità cardiache. Risultano dunque importantissime per consentirci il normale svolgimento delle nostre attività quotidiane ma anche per mantenere un buon tono dell’umore. La carenza di vitamina B1 può comportare danni a sistema nervoso e sistema cardiovascolare, alterazioni cardiache, dilatazione della pupilla e ipersensibilità alla colonna vertebrale. La sua carenza comporta problemi oculari, tachicardia, anemia e debolezza generalizzata. La carenza di vitamina B2 può comportare anemia, debolezza muscolare, inappetenza, tachicardia e problemi oculari.

Vitamina B3

La vitamina B3 (Niacina) contribuisce alla respirazione cellulare, alla circolazione sanguigna, alla protezione della cute, ai processi digestivi e al funzionamento del sistema nervoso oltre alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento. Una carenza di vitamina B3 comporta mal di testa, nausea, irritabilità e cattiva digestione. Le persone anziane, gli sportivi, e gli individui soggetti ad attività lavorative usuranti potrebbero avere bisogno di un’integrazione di vitamina B3 oltre a quella assunta tramite l’alimentazione.

Vitamina B6

La vitamina B6 è particolarmente importante per la costituzione delle difese immunitarie, per lo stimolo delle funzioni cerebrali e per prevenire l’invecchiamento. Contribuisce al metabolismo delle proteine, di aminoacidi, acidi grassi, zuccheri e del glicogeno; alla formazione di globuli bianchi, globuli rossi e ormoni, alla sintesi della cisteina e al metabolismo dell’omocisteina. La carenza di vitamina B6 è una condizione che può portare apatia, debolezza, disturbi del sistema nervoso e calcoli nei reni.

Vitamina B8

La vitamina B8 (Biotina) è coinvolta nel metabolismo proteico ed energetico, nella sintesi di glucosio e acidi grassi. Protegge pelle e capelli e pertanto viene utilizzata per trattare le dermatiti seborroiche, l’acne e l’alopecia. Chi pratica sport a livello professionale potrebbe avere bisogno di un’integrazione della vitamina B8 oltre a quella assunta normalmente tramite l’alimentazione.

Vitamina B9

La vitamina B9, abitualmente conosciuta come Acido folico, ha un ruolo importante nella sintesi delle proteine e del DNA, nella formazione dell’emoglobina, nella prevenzione dai rischi cardiovascolari, nel metabolismo dell’omocisteina e nel processo di divisione cellulare. Protegge e favorisce lo sviluppo dell’embrione: per questo motivo le donne in gravidanza hanno bisogno di integrazioni di acido folico oltre a quello assunto tramite la dieta. Una carenza di acido folico può comportare anemia e, nelle donne in gravidanza, problemi allo sviluppo del sistema nervoso del feto, spina bifida o nascita prematura.

Vitamina B12

La vitamina B12 è coinvolta in diversi ruoli, fondamentali per garantire all’organismo il perfetto funzionamento. In particolare, è necessaria al metabolismo degli aminoacidi, degli acidi nucleici – insieme dell’acido folico coadiuva la sintesi del DNA e dell’RNA  e degli acidi grassi. È altresì fondamentale nella produzione dei globuli rossi e nella formazione del midollo osseo. Inoltre favorisce la trasformazione dei nutrienti in energia e riduce lo stress aumentando il buonumore. Carenza di vitamina B12 è generalmente dovuta a diete non equilibrate o diete vegane o malassorbimento causato da: malattie infiammatorie, malattie da malassorbimento (esempio celiachia), proliferazione di batteri, farmaci, diminuzione dell’acidità gastrica soprattutto negli anziani o assenza del fattore intrinseco. La principale conseguenza della carenza di vitamina B12 è una forma di anemia definita “perniciosa”, derivata da una cattiva produzione di cellule del sangue, che può causare pallore, debolezza, formicolio agli arti e affaticamento. Nei casi più gravi ci possono essere conseguenze anche sul sistema nervoso. La carenza di vitamina B12 è da evitare nelle donne in gravidanza, per evitare conseguenze dannose sul nascituro.

+ La Produzione

Da diversi anni, la spirulina è prodotta mediante differenti tecniche di coltivazione artificiale che consentono di ottimizzarne la resa produttiva ed il controllo degli inquinanti ambientali. L’utilizzo di fotobioreattori permette infatti di ottenere un prodotto altamente sicuro e standardizzato nella sua composizione nutrizionale, naturalmente ricca in proteine (ottima fonte di aminoacidi essenziali), acidi grassi, vitamine e minerali.

Spirulina blu + è prodotta con estratto titolato in ficocianina ottenuto da spirulina biologica (Arthrospira platensis) italiana certificata USBI (Unione Spirulina Biologica Italiana) e coltivata in impianti siti tra Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna.

La matrice algale di partenza viene raccolta quotidianamente, lavorata e sottoposta immediatamente ad estrazione acquosa tramite osmosi diretta immettendola in vasche a minor concentrazione di sali minerali per far secernere la ficocianina (pigmento idrosolubile) nella fase acquosa e successivamente procedere alla separazione dalla fase solida (residuo algale) al fine di ottenere un prodotto di qualità superiore che mantenga inalterate le sue proprietà nutrizionali.

La ficocianina, appartenente alla famiglia delle ficobiliproteine, rappresenta il principale pigmento proteico idrosolubile contenuto nella microalga che permette alla spirulina di svolgere l’attività fotosintetica e fotoautotrofa in presenza di acqua e ossigeno; caratterizzata da una colorazione blu brillante, rappresenta circa il 10% del peso secco della polvere, l’estrazione sopra descritta permette di ottenere un prodotto con contenuto notevolmente superiore ad una spirulina standard. Il prodotto finale oltre all’elevata concentrazione di ficocianina, contiene proteine, aminoacidi¹, vitamine idrosolubili, antiossidanti e sali minerali, naturalmente presenti nella matrice algale di partenza; in particolare l’innovativa composizione formulativa permette di avere Vitamine del gruppo B vegetali altamente biodisponibili con apporti elevati e standardizzati completando il già eccezionale profilo nutrizionale della spirulina.

¹Lo studio della composizione amminoacidica di Ficocianina (C-Ficocianina) può aprire la strada per ulteriori approfondimenti sulla struttura interna e sui gruppi attivi, nonché fornire una base teorica per altre proprietà salutistiche e mediche di questo composto. Yin e colleghi (1984), hanno determinato la composizione amminoacidica di C-PC ottenuto da A. platensis, e i loro risultati su diversi ceppi portano a confermare che include 2 sub unità, 𝛼 e 𝛽, che sono composte rispettivamente da 162 e 172 aminoacidi.

+ Altre informazioni

La spirulina è un’alga verde-azzurra che deve il suo particolare nome all’inconfondibile forma di spirale, esiste da 3,6 miliardi di anni ed è la più antica forma di vita fotosintetica

apparsa sul pianeta. Vive nelle acque dolci delle regioni subtropicali e ha bisogno di un pH estremamente alcalino, attualmente è coltivata per preservarla dalla contaminazione. Nel 1974 fu nominata dalla Conferenza mondiale sull’alimentazione dell’ONU come “alimento del futuro”, considerando la presenza di elementi nutritivi difficilmente reperibili in altre fonti naturali e la sua naturale digeribilità. La spirulina viene definita “superalimento” perché contiene un’enorme quantità di sostanze nutritive e risulta essere l’alimento naturale più completo ad oggi conosciuto. È molto ricca di proteine che costituiscono il 60-70% della sua composizione, un tenore superiore a tutti gli altri alimenti convenzionali. Inoltre contiene 8 aminoacidi essenziali (che non possono essere riprodotti dal corpo): isoleucina, leucina, lisina, metiodina, fenilalina, treonina, triptofano, valina e una grande quantità di aminoacidi non essenziali. La spirulina contiene inoltre numerose vitamine: vitamina A (beta-carotene) vitamine del Gruppo B, vitamina D, vitamina E, vitamina K. Ha una delle maggiori concentrazioni di omega 6 ed è la maggiore fonte alimentare di antiossidanti. Contiene inoltre: clorofilla, ficocianina, carotenoidi, polisaccaridi, una grande quantità di enzimi, minerali e oligoelementi. L’utilizzo della spirulina come superalimento è stato oggetto di numerosi studi e ricerche. L’altissimo contenuto in termini di vitamine, minerali e aminoacidi la rende un ottimo complemento all’alimentazione umana e colma quelle carenze derivanti da apporti insufficienti o irregolari di nutrienti bilanciati. La spirulina fornisce energia, aiuta il recupero delle forze e sostiene l’organismo nel corso della giornata. È particolarmente indicata anche dopo una convalescenza, un’operazione o un trattamento farmacologico importante. Risulta preziosa la presenza di vitamina B12 soprattutto per chi segue diete rigorosamente vegetariane. Il suo consumo regolare è quindi raccomandato a tutti. Inoltre è uno stimolante energetico che non agisce sul sistema nervoso, come invece avviene con la caffeina o il guaranà. La presenza nella spirulina di polisaccaridi facilmente utilizzabili permette l’aumento dei livelli ematici del glucosio.

BIBLIOGRAFIA

1. Bhat VB, Madyastha KM., C-phycocyanin: a potent peroxyl radical scavenger in vivo and in vitro, in Biochem Biophys Res Com- mun, 2000 Aug 18; 275(1):20-5.

2. Ch. Romay er al., C-Phycocyanin: A Biliprotein with Antioxidant, Anti-Inflammatory and Neuroprotective Effects, Current Protein and Peptide Science 2003, 4, 207-216.

3. Paloma Bermejo et al., Iron-chelating ability and antioxidant properties of phycocyanin isolated from a protean extract of Spirulina platensis, Food Chemistry 2008 Sep; 110(2):463-445.

4. Romay C. et al., Antioxidant and anti-inflammatory properties of C-phycocyanin from blue-green algae, in Inflamm Res 1998 Jan; 47(1):36-41.

5. Reddy C.M. et al., Selective Inhibition of cyclooxygenase-2 by C-phycocyanin, in Biochem. Biophys. Res. Commun. 2000; 277(3):599-603.

6. Romay C, et al., Phycocyanine extract reduces leukotriene B4 levels in arachidonic induced mouse-ear inflammation test, in J. Pharm Pharmacol. 1999, 51(5):641-42.

7. Romay C., et al., Effects of phycocyanin extract on tumor necrosis factor-alpha and nitrite levels in serum of mice treated with endotoxin, in Arzneimittelforschung, 2001 Sep; 51(9):733-6.

8. Colla LM, Muccillo-Baisch AL, Costa JAV. 2008. Spirulina platensis effects on the levels of total cholesterol, HDL cholesterol and triglycerides in rabbits fed with a hypercholesterolemic diet. Brazilian Archives of Biology and Technology 51(2):405–411.

9. Nagaoka S, Shimizu K, Kaneko H, Shibayama F, Morikawa K, Kanamaru Y, Otsuka A, Hirahashi T, Kato T. 2005. A novel protein C phycocyanin plays a crucial role in the hypocholesterolemic action of Spirulina platensis concentrate in rats. Journal of Nutrition 135(10):2425–2430.

10. Ama Moor VJ, Nya Biapa PC, Nono Njinkio BL, Moukette BM, Sando Z, Kenfack C, Ateba B, Matip MEN, Pieme CA, Ngogang J. 2017. Hypolipidemic effect and activation of lecithin cholesterol acyl transferase (LCAT) by aqueous extract of Spirulina platensis during toxicological investigation. BMC Nutrition 3(1):25.

11. Torres-Duran PV, Ferreira-Hermosillo A, Juarez-Oropeza MA. 2007. Antihyperlipemic and antihypertensive effects of Spirulina maxima in an open sample of Mexican population: a preliminary report. Lipids in Health and Disease 6(1):33

12. Zhang Cheng-Wu et al. April 1994. Pub. In Proc. of Second Asia Pacific Conf. On Algal Biotech. Univ of Malaysia. P.58. China.